Keiko Fukuda – Una vita per il judo

Keiko Fukuda – Una vita per il judo

Chi non ha mai visto un film di arti marziali? Tutti noi conosciamo le incredibili gesta che hanno spinto tanti bambini e bambine sul tatami, sognando la cintura nera. Molti tra i più famosi marzialisti però, non sono conosciuti dal grande pubblico. Questo è un vero peccato, perchè le loro storie sono affascinanti quanto quelle degli eroi cinematografici. Un personaggio molto interessante è quello di Keiko Fukuda, judoka giapponese di fama internazionale. La sua vita si intreccia con quello della nascita e dello sviluppo del judo e della partecipazione femminile…

Dieci giorni in manicomio – La storia di Nellie Bly

Dieci giorni in  manicomio – La storia di Nellie Bly

Nel 1887 Elizabeth Jane Cochran (1865-1922) è una giornalista poco più che ventenne. Scrive sotto lo pseudonomo di Nellie Bly e ha già avuto un discreto successo a Pittsburgh, scrivendo per il Pittsburgh Dispatch. Dopo un avventuroso reportage in Messico, viene però relegata alle pagine dedicate al mondo femminile. La combattiva Nellie sogna  grandi scoop e inchieste sociali e si ritrova, invece, a scrivere di consigli di bellezza. Nel 1887 si trasferisce a New York e viene assunta dal New York World, diretto da Joseph Pulitzer (1847-1911). Contrariamente al precedente…

L’altro volto delle geisha – La storia di Masuda Sayo

L’altro volto delle geisha – La storia di Masuda Sayo

L’idea che abbiamo in occidente delle geisha è quella di personaggi eleganti, circondati da ricchi patroni, magari avvolti in costosi kimono. Un po’ quello che ci mostrano film come Memorie di una geisha, con la loro sognante atmosfera. Come nelle migliori favole, la realtà spesso è molto diversa. Un testo molto interessante, al riguardo, è l’autobiografia di Masuda Sayo , edita in Italia come Il mondo dei fiori e dei salici. Autobiografia di una geisha (OBarraO -2014). Geisha delle onsen (le terme giapponesi), Masuda nasce a Shiogiri (prefettura di Nagano),…

Le fanciulle di Hiroshima – Sopravvivere dopo la bomba atomica

Le fanciulle di Hiroshima – Sopravvivere dopo la bomba atomica

Il 1945 è un anno molto difficile. La Seconda Guerra Mondiale miete le sue vittime senza sosta, sebbene ormai essa sia quasi alla fine. In Italia la guerra è finita già a fine aprile. In Giappone, invece, essa continua ancora. Il popolo giapponese soffre ma continua la sua vita, ligio al dovere e fedele alla causa. Quasi ogni città è stata duramente provata da questo flagello, tanto che la popolazione è abituata a vedere i B-29 americani che sorvolano i cieli del paese. Il sei agosto 1945 Hiroshima è uno…

Maria Sofia di Borbone, l’ultima regina delle Due Sicilie

Maria Sofia di Borbone, l’ultima regina delle Due Sicilie

  Maria Sofia di Wittelsbach nasce il quattro ottobre 1841 a Possenhofen, amata dimora di campagna della famiglia. Il padre è lo sventato duca Max in Baviera e la madre la principessa Ludovica, figlia del re di Baviera. L’infanzia di Maria Sofia è felice e spensierata, in compagnia di un padre allegro e della serissima Ludovica, che ha grandi aspirazioni per le proprie figlie. Convinta che debbano tutte contrarre matrimoni vantaggiosi, lavora duramente per educarle come si conviene. La primogenita Elena non soddisfa le aspettative della madre. Sfumato l’imperatore d’Austria,…

Mineko Iwasaki – Storia di una geisha del Novecento

Mineko Iwasaki – Storia di una geisha del Novecento

  Le geisha sono uno di quegli argomenti sui quali tutti dicono di sapere ma nessuno in realtà sa. Confuse con le cortigiane d’alto bordo o ritenute semplici prostitute mitizzate. Qualcuno ipotizza addirittura che siano solo una montatura per turisti. Nulla di più falso, le geisha esistono ancora e, anche se la loro presenza è sicuramente minore rispetto al passato, non sono affatto scomparse. Qualche anno fa è apparso in libreria Le memorie di una geisha, dell’americano Arthur Golden. Libro che si propone come un documento accurato della vita di…

Carlotta di Sassonia-Coburgo, imperatrice del Messico

Carlotta di Sassonia-Coburgo, imperatrice del Messico

Chiunque visiti Trieste non può fare a meno di visitare il bel castello di Miramare. Costruito sul promontorio che si affaccia sul mare, è circondato da un’aura romantica. Suo artefice, nel lontano 1856, è l’arciduca Massimiliano d’Austria (1832-1867), fratello dell’imperatore Francesco Giuseppe (1830-1916). L’arciduca è all’epoca un giovane di soli ventitre anni, che si trova a Trieste come ufficiale della marina militare. Massimiliano è profondamente diverso dal fratello. Ama la natura, la botanica, il mare e la poesia. Costruisce Miramare come residenza personale, creandola a sua immagine e somiglianza. Ha…

La morte dell’arciduchessa Matilde d’Asburgo-Teschen

La morte dell’arciduchessa Matilde d’Asburgo-Teschen

Morire per un’innocente trasgressione E’ il 1867 e, l’impero degli Asburgo vive la sua ultima stagione. Vienna è nel suo pieno rigoglio e Francesco Giuseppe siede saldo sul trono dei suoi avi. E’ sposato con la bellissima Elisabetta (Sissi) e il suo occhio vigila attento sui numerosi parenti. Ognuno di essi è un’importante pedina nel gioco dei troni (cit.), sopratutto le donne di famiglia. Sono molte le ragazze in età da marito per le quali si progettano matrimoni importanti ai fini dinastici. Una di queste fanciulle è Matilde, nata il…

25 marzo 1965 – La marcia su Selma e l’omicidio di Viola Liuzzo

25 marzo 1965 – La marcia su Selma e l’omicidio di Viola Liuzzo

E’ il venticinque marzo 1965 e per gli Stati Uniti d’America è un giorno storico. Si è appena conclusa la terza marcia da Selma a Montgomery, organizzata da Martin Luther King jr. Il presidente Lyndon Johnson ha finalmente approvato la legge che consente ai cittadini di colore il diritto di voto, dopo un percorso che inizia già nel 1963 e con la collaborazione di diverse associazioni per i diritti civili. Martin Luther King jr ne è l’anima e il 1965 è l’anno decisivo. La lotta inizia nella cittadina di Selma,…

L’otto marzo e quell’incendio mai avvenuto

L’otto marzo e quell’incendio mai avvenuto

  Feste delle donne…come iniziare un post dedicato ad un argomento che, negli ultimi anni si è fatto sempre più scottante, tra diritti, femminicidio e altre amenità su cui preferisco non dilungarmi più del necessario perchè non è questa la sede più adatta. Tuttavia, poichè come secondo lavoro mi occupo di difesa personale, ho una mia prospettiva personale sulla feste delle donne. Consuetudine vuole che l’otto marzo ricordi la morte di un gruppo di giovani operaie perite nell’incendio di una fabbrica tessile a New York. La notizia circola completa di…